BMW M 1000 RR: obiettivo Superbike

Gianluca Salina

Con la BMW M 1000 RR, la casa dell’elica introduce un modello basato sulla sigla M, che da sempre identifica i suoi prodotti più sportivi. 212 cavalli, limitatore a 15100 giri, pistoni Mahle, bielle in titanio Pankl, appendici aerodinamiche e molti componenti rivisti costituiscono la base per l’attacco al mondiale Superbike 2021, così come un mezzo per gli amanti dei cordoli. Arriverà nelle concessionarie a marzo del prossimo anno.

Gli appassionati di auto sanno, anche senza essere fan di BMW, che il suffisso M davanti alle vetture di Monaco identifica i modelli più sportivi. Dopo aver iniziato, nel 2018, ad offrire componenti speciali per le sue moto, identificati dalla lettera M, ha presentato oggi il primo modello a fregiarsi di questa sigla, la nuova BMW M 1000 RR.

Evoluzione diretta della S 1000 RR presentata ad EICMA 2019, la nuova supersportiva tedesca è stata creata come base per la moto che gareggerà, il prossimo anno, sia nel mondiale Superbike (con Tom Sykes e Michael van der Mark) che nei vari trofei nazionali, oltre che come mezzo da track day per tutti gli appassionati.

Sale la potenza, che passa da 207 a 212 cv, aumenta anche il regime massimo di rotazione, che arriva a 15100 giri, mentre la coppia si attesta sul valore di 113 Nm a 11000 giri. Scende di 7 kg il peso, arrivando a quota 192 kg, il tutto in una configurazione che, e gli uomini di Monaco ci hanno tenuto più volte a precisarlo durante il live streaming, è assolutamente street legal.

Sulla BMW M 1000 RR fanno il loro debutto le pinze freno marchiate M così come le appendici aerodinamiche, oggetto di recente brevetto da parte del brand dell'elica, che fanno parte del pacchetto M, studiato in galleria del vento per ottimizzare le performance e, aumentando il downforce, far crescere la stabilità della moto limitando la tendenza all'impennata.

Sul fronte motore, confermata la presenza del sistema di fasatura variabile ShiftCam già presente sulla S 1000 RR. I pistoni, prodotti da Mahle, sono forgiati e presentano 2 anelli. Le bielle in titanio, realizzate da Pankl, sono più leggere così come i bilancieri a dito. L'ottimizzazione generale ha riguardato anche i condotti di aspirazione, completamente lavorati a macchina e che presentano una nuova geometria ed interventi su alberi a camme e area di aspirazione.

Anche lo scarico è alleggerito ed il tutto concorre all'ottenimento delle massime performance. Inoltre, per chi non si accontenta, sarà disponibile il pacchetto M Competition, che comprende il software laptrigger M GPS, parti fresate M, componenti in carbonio M, un forcellone più leggero di 220 g, la catena M Endurance a zero manutenzione e la cover per il sellino posteriore.

La nuova BMW M 1000 RR è prenotabile da subito presso i concessionari e sarà disponibile tra fine marzo ed inizio aprile ad un prezzo a partire da 33800 Euro.

Hits: 667

Next Post

Voge Brivido, piccola moto prezzo imbattibile

Dotazione tecnica superiore alla media e prezzo paragonabile a quello di uno scooter di media cilindrata; la Voge Brivido conquisterà le masse?

Iscriviti alla newsletter