Yamaha Yard Built 2020: annunciati i vincitori.

Cesare Marescotti

Nonostante la situazione COVID-19 non sia delle migliori il 2020 al Yamaha Yard Built, competizione dedicata alle custom del marchio giapponese, si è visto un gran gruppo di iscritti.Quest’anno, la base per le customizzazioni dei protagonisti dell’esibizione, è stata la XSR 700. Quello che è cambiato quest’anno è il modo in cui sono state disegnate le moto.

Nonostante la situazione COVID-19 non sia delle migliori nel 2020 al Yamaha Yard Built, competizione dedicata alle custom del marchio giapponese, si è visto un gran gruppo di iscritti.Quest'anno, la base per le customizzazioni dei protagonisti dell'esibizione, è stata la XSR 700, la moto protagonista dell'ultimo The Reunion (leggi qui).

Quello che è cambiato quest'anno è il modo in cui sono state disegnate le moto. Ricordando Marzo di quest'anno, possiamo trovare articoli relativi alla competizione di design Yard Built "Back to the Drawing Board". Yamaha ha aperto la competizione al grande pubblico, permettendo ai motociclisti di sognare la moto che sarebbe stata costruita. Da qui un team di customizzatori esperti ha selezionato i design vincenti e inviandoli ai vari "costruttori" che hanno trasformato i disegni in motociclette. Tra tutti i progetti realizzati i pezzi grossi di Yamaha ne hanno incoronati vincitori quattro tra cui non riuscivano proprio a decidersi.

"XSR700 Red Built" di Cafè Racer SSPirit

La Red Tail lancia uno sguardo al passato glorioso di yamaha all'interno degli ovali. Questo esercizio di stile presentato dagli Spagnoli Alex e Claudio Monge, nasce dalla voglia di unire il Flat Track anni '70 alle visioni all'avanguardia dei due customizzatori, che hanno "spogliato" la parte anteriore di cover di plastica per mettere in mostra il ferro unendo uno stile semplice ma bello al retrò delle tabelle portanumero che si notano sul posteriore.

Tutto questo è unito poi all'utilizzo di una particolare tecnica di verniciatura che da l'impressione che il colore  "coli" via dal serbatoio a causa della velocità, per disperdersi sul motore, fino alla fine della tabella porta numero. I due Monge  hanno lasciato il telaio in acciaio intatto raccogliendo la sfida di fare grosse modifiche alla Sport Heritage XSR700 senza tagli e saldature.

RD350 TRIBUTE di Garage221

RD350_Tribute

In questa moto, l'italiano Ugo Coppola al suo debutto ha portato la sua visione unica di una moto da fuoristrada che va su strada. Lasciando intatto il telaio "a spina dorsale" della XSR 700 Ugo ha sapientemente mischiato il design di svariate parti OEM di diversi modelli Yamaha fino a ottenere un tributo alla storica RD350, a cui ha ispirato il design e i colori delle grafiche.

"DISRUPTIVE" di Bad Winners

Disruptive

Dalla matita della new entry francese Barbara Motorcycle, realizzata in collaborazione con l'officina Bad Winners, si la stessa che ha realizzato la special per il pilota di F1 Charles Leclerc, ecco Disruptive. Questa moto dall'aggressivo design nero e oro richiama il mondo delle Flat Track e del passato di Yamaha. Le modifiche al motore sono nulle se nonper lo scarico Akrapovic e un nuovo filtro a cono K&N. Su questa motocicletta il focus è sul design con: il cerchio posteriore pieno, gomme Dunlop Mutant, contakilometri personalizzato e soprattutto la grafica con la scritta Yamaha in oro che le da uno stile quasi da quasi graphic novel.

700 GT di Rua Machines

700GT

700GT è stata realizzata da Tony Queiro su ispirazione della XJ400 posseduta da suo padre quando lui era bambino. Per realizzare questa moto Rua Machines ha scavato nel passato di Yamaha ispirandosi a immagini anni '60 della YR-2 e della YR-3. Anche se la Sport Heritage XSR 700 risulta abbassata, con cover sulle forcelle anteriori, a richiamare lo stile della YR-2 e quindi il design è stato radicalmente rivisto. Ne sono un esempio il nuovo serbatoio in acciaio e la sella rifinita in pelle. Per non allontanarsi dal concetto di "Dark Side of Japan" infine è stato usato un cerchione anteriore nero e senza raggi per dare un look all black all'anteriore.

Hits: 180

Next Post

Fantic e Yamaha ancor più unite

I due brand stanno lavorando con l'obiettivo di trasferire l'intera quota della Minarelli Motori a Fantic Motor, con vantaggi per tutte le parti coinvolte

Iscriviti alla newsletter