Triumph Tiger 850 Sport: crossover da città

Valerio Garagiola

Chi può spendere qualche centinaio di Euro in più per una enduro stradale diversa dal solito, può trovare nella nuova Tiger 850 Sport una valida proposta

Continua l'ampliamento della gamma Triumph: dopo la presentazione in grande stile della nuova Trident 660, è il momento della Tiger 850 Sport, crossover da città che strizza l'occhio a chi saltuariamente vuole cedere al fascino delle strade bianche e del fango. Disponibile dal 2021 con un prezzo d'attacco di 11.400 Euro, può solleticare diversi acquirenti alla ricerca di qualcosa di diverso dalla classica enduro stradale usata per andare al lavoro e per le gite fuoriporta.

Il design complessivo della Tiger 850 Sport è un mix tra linee armoniose ed eleganti: la parte anteriore è progettata per essere protettiva, mentre le sezioni centrali e posteriori sono pensate per agevolare l’abitabilità per pilota e passeggero.

Il propulsore è il 3 cilindri in linea con sequenza di scoppi irregolari T-Plane della gamma Tiger 900, opportunamente modificato per rendere l’erogazione di coppia e potenza gestibile e lineare. L’albero motore T-Plane con sequenza di scoppi 1-3-2 è garanzia di grande elasticità, mettendo a proprio agio anche i meno esperti. Altra caratteristica interessante è la frizione antisaltellamento, comoda per i lunghi viaggi ma apprezzabile anche nel traffico cittadino. La capienza del serbatoio di 20 litri garantisce buone percorrenze.

La potenza massima è di 85 cavalli (a 8.500 giri) e il picco di coppia è di 82 Nm (a soli 6.500 giri), parametri gestibili grazie a due differenti riding mode (Road e Rain); per chi disponesse della patente A2, è disponibile anche la versione da 48 cavalli, contraddistinta da comando del gas e mappatura motore studiate appositamente.

Il pacchetto ciclistico è molto interessante, se paragonato al prezzo ed alla diretta concorrenza: pinze freno Brembo Stylema, contraddistinte dallo studio fatto sui flussi d’aria intorno alle pastiglie per migliorarne il raffreddamento, sospensioni Marzocchi (forcelle a steli rovesciati da 45mm di diametro, con 180mm di escursione; al posteriore, monoammortizzatore a gas monoshock regolabile manualmente nel precarico e con 170mm di escursione), ABS e controllo di trazione disattivabile.

E' stata posta particolare attenzione all'ergonomia: sella sottile e regolabile su due posizioni, con una seduta ottimizzata nel posizionamento delle pedane, e equipaggiata con un manubrio regolabile nell’inclinazione. La Tiger 850 Sport prevede una posizione di guida eretta e votata al massimo controllo in ogni condizione di guida.Il parabrezza è facilmente regolabile in altezza con una sola mano.

La dotazione di serie della Tiger 850 Sport è stata progettata al fine di massimizzare la trasversalità di utilizzo, la sicurezza e il piacere di guida, mantenendo elevata l’accessibilità complessiva. Ne è una prova la presa di corrente supplementare da 12V, utile per connettere un device elettronico durante la marcia.

Come su tutta la famiglia Tiger, anche sulla 850 Sport è presente il display TFT da 5 pollici, che assicura leggibilità in ogni condizione di illuminazione. Il faro anteriore, il faretto posteriore e gli indicatori di direzione sono completamente a LED e quindi esenti da manutenzione. E’ inoltre inclusa la funzione DRL, luce diurna a LED, per ulteriore visibilità nel traffico.

La gamma di accessori originali è molto ampia, con oltre 60 articoli tutti disponibili fin da subito; sono previsti due set per il trasporto bagagli (realizzati in collaborazione con GIVI): Trekker, ad apertura laterale con topcase da 52 litri (capienza 2 caschi); Expedition,
in alluminio con apertura dall’alto, con topcase da 42 litri. Tutti gli accessori originali sono coperti da garanzia illimitata di 2 anni.

Hits: 14

Next Post

Kawasaki ZX-10RR 2021: le prime foto da Jerez

La presentazione ufficiale della nuova Kawasaki ZX-10 RR my 2021 è fissata per il 23 novembre ma, a Jerez, dove sono in corso i test Superbike, si è avuta una anteprima della moto, che oggi scenderà in pista con Rea e Lowes. Un inedito frontale, già peraltro visto sulle immagini circolate in Rete di recente e modifiche al motore, il tutto in ottica di evoluzione e non di rivoluzione.

Iscriviti alla newsletter