Superbike Portimao 2020: info ed orari tv

Gianluca Salina

Tutto è pronto, ad Estoril, per l’ultimo atto del mondiale Superbike 2020. Rea contro Redding e Kawasaki contro Ducati per la conquista del titolo mondiale piloti e costruttori. Occhi puntati anche sugli altri piloti, impegnati a giocarsi il 3° posto in classifica ed a conquistare, per chi ancora non l’ha fatto, una sella per il prossimo anno. Info ed orari tv.

A 27 anni dall'ultima volta in cui le Superbike hanno girato ad Estoril, il tracciato portoghese situato a 30km ad est di Lisbona ospita nuovamente le derivate dalla serie, impegnate in questo week-end nell'ultimo round del mondiale, decisivo per l'assegnazione del titolo nella top class e nalla Supersport 300 (mentre nella Supersport 600 ha già trionfato in anticipo Andrea Locatelli).

La battaglia per l'iride 2020 è tra Jonathan Rea e Scott Redding. Al nordirlandese della Kawasaki si può dire manchi solo più una falange, prima di mettere le mani sul campionato, forte dei 59 punti di vantaggio sul rivale della Ducati. Per il folletto volante basteranno infatti 3 punti nell'intero fine settimana di gare per fregiarsi per la sesta volta consecutiva del titolo di campione del mondo. Com'è logico pensare, il pilota di Larne mirerà già a chiudere i conti in Gara-1.

Quasi infinito il ventaglio di possibilità a sua disposizione, dal momento che gli sarà sufficiente un tredicesimo posto, a prescindere dal risultato di Redding, invece obbligato a fare bottino pieno per tentare di allungare una battaglia che riguarderà anche il campionato costruttori. In questa classifica Kawasaki è avanti di 26 lunghezze su Ducati. Al marchio di Akashi sarà sufficiente terminare Gara-1 guadagnando ulteriori 10 punti sul brand di Borgo Panigale. Un eventuale ex-aequo di punti consegnerebbe in ogni caso al KRT il titolo, in virtù del maggior numero di vittorie.

I 4182 metri del Circuito Estoril saranno anche gli arbitri di quella che è la corsa al terzo posto nel mondiale piloti, utile a delineare gerarchie interne tra i compagni di squadra dei vari team in ottica 2021, oltre che ultima chance per mettersi in mostra, di chi ancora non ha una sella per il prossimo anno. In lizza per questo ci sono Chaz Davies, Michael vd Mark, Alex Lowes, Toprak Razgatlioglu e Michael Ruben Rinaldi.

Il gallese della Ducati è avanti a tutti e, dopo aver comunicato che nel 2021 non correrà più per la casa bolognese, è il pezzo più pregiato oggi sul mercato, forte di un vantaggio di 19 punti sull'olandese della Yamaha, al suo ultimo round sulla YZF-R1M, dal momento che il prossimo anno sarà in BMW. Lowes è distante 42 punti da Davies, un numero che rende la rimonta decisamente ardua. Per lui però non ci sono preoccupazioni per la stagione ventura, dal momento che è stato confermato in Kawasaki.

Il turco della Yamaha staziona invece a 48 punti dal 3° posto mondiale e rappresenta probabilmente la maggiore delusione di questa annata della Superbike. Indicato da alcuni come sicuro contendente al titolo, è rimasto più o meno in bolla fino al round di Portimao, per poi spegnersi progressivamente, a livello di efficacia e risultati, cosa che lo hanno portato ad essere superato, in classifica, anche dal compagno di squadra vd Mark. Ad Estoril è più che altro in gioco il suo orgoglio, stante la conferma nella squadra ufficiale dei tre diapason per il prossimo anno, nel quale farà coppia con Locatelli, neo-campione del mondo Supersport 600.

Last but not least, Rinaldi, la rivelazione della stagione, che il prossimo anno sarà nel box a fianco a quello di Redding sulla Ducati ufficiale. I punti che separano l'italiano da Davies, di cui prenderà il posto nel 2021, sono tanti (56) ed è quasi solo la matematica, a tenerlo in corsa per il terzo posto mondiale ma, al di là di quello, il pilota di Rimini ha comunque l'occasione di migliorare il suo attuale 7° posto nella generale, oltre che confermarsi come miglior pilota dei team indipendenti. 

Per fare questo, l'alfiere del team Go Eleven dovrà amministrare i 31 punti di vantaggio che ha su Loris Baz, confermato alla guida della R1M del team Ten Kate ed altra nota positiva del 2020, al pari di Garrett Gerloff che, per restare in Yamaha, è stato a suo volta confermato come pilota nel team satellite GRT, dove sarà affiancato, nel 2021, dal giapponese Kohta Nozane.

Oltre a Davies, tra le altre "vittime illustri" del mercato piloti, c'è anche Eugene Laverty, non confermato in BMW per fare posto a vd Mark. Per lui, come per il gallese ormai quasi ex-Ducati e per Xavi Fores, si parla di un interessamento proprio della casa tedesca, che avrebbe in mente di schierare una squadra satellite con altre due M 1000 RR (questo il nostro articolo sulla moto), anche se il passato insegna che, in operazioni di questo tipo, almeno all'inizio, uno dei due piloti è probaile provenga dalla stessa nazione del costruttore.

Tutto relativamente tranquillo invece in casa Honda, con sia Alvaro Bautista che Leon Haslam sulla CBR 1000 RR-R anche il prossimo anno. Per loro il coronamento della stagione potrebbe essere rappresentato dal migliorare il 3° posto dello spagnolo, ottenuto sul circuito di Aragon. L'appuntamento di Estoril sarà anche l'occasione per vedere all'opera il campione del mondo MotoE 2019 Matteo Ferrari (Barni Racing), Jonas Folger (Yamaha MGM), Loris Cresson (Kawasaki OUTDO), Sheridan Morais (Kawasaki ORELAC) ed Eric Granado (Honda MIE).

Il tracciato portoghese, che ospita la Superbike per la terza volta nella storia del campionato (le altre due occasioni sono state nel 1988 e nel 1993), vedrà accendere i motori il venerdì per la classiche due sessioni di prove libere, per proseguire il sabato con le qualifiche e Gara-1, mentre alla domenica avranno luogo la SP-Race e Gara-2. Occhio al fuso orario, dal momento che il Portogallo è un'ora indietro rispetto all'Italia. Di seguito gli orari per seguire in tv il week-end di gare.

SKY

Venerdì 16 ottobre

11.25: FP1 Superbike
15.55: FP2 Superbike

Sabato 17 ottobre

11.50: Superpole Superbike
12.35: Superpole SuperSport
13.15: Superpole Supersport 300
15.00: Gara-1 Superbike
16.10: Gara-1  SuperSport
17.30: Gara-1  SuperSport 300

Domenica 18 ottobre

12.00: Superpole Race Superbike
13.30: Gara-2 SuperSport300
14.45: Gara-2 SuperSport
16.15: Gara-2 Superbike

TV8

Sabato 17 ottobre

15.00: Gara-1 Superbike

Domenica 18 ottobre

14.00: Superpole Race Superbike (in differita)
16.15: Gara-2 Superbike

Hits: 93

Next Post

Yamaha Yard Built 2020: annunciati i vincitori.

Nonostante la situazione COVID-19 non sia delle migliori il 2020 al Yamaha Yard Built, competizione dedicata alle custom del marchio giapponese, si è visto un gran gruppo di iscritti.Quest'anno, la base per le customizzazioni dei protagonisti dell'esibizione, è stata la XSR 700. Quello che è cambiato quest'anno è il modo in cui sono state disegnate le moto.
Disruptive

Iscriviti alla newsletter