BMW R 1250 RS, turismo premium in classe bavarese

Valerio Garagiola

Quando il boxer a cardano incontra la sportività, nasce la BMW R 1250 RS, mezzo pensato per un uso stradale a 360 gradi e pieno zeppo di elettronica.

BMW non vuol dire solo R 1250 GS e S 1000 RR (o M 1000 RR), due modelli che rappresentano due mondi opposti: da una parte la comodità e la versalitià a 360 gradi, dall'altra la fame di adrenalina e la necessità della massima performance. Il costruttore bavarese è stato in grado di avvicinare e fondere i due mondi in un modello che, da 40 anni, è sinonimo di sportività senza rinunciare al motore Boxer BMW. La R 1250 RS si rinnova, con tanta elettronica e particolare che la rendono l'evoluzione più equilibrata.

L'iconico propulsore boxer è lo stesso della BMW R 1250 GS, Euro5, capace di generare 100 kW (136 CV) a 7.250 giri/min e 143 Nm a 6.250 giri/min. Punto di forza di BMW è la tecnologia ShiftCam, per la variazione della fasatura e dell'alzata delle valvole sul lato di aspirazione, a tutto vantaggio della fluidità di marcia e silenziosità meccanica.  

La verà rivoluzione della BMW R 1250 RS è nel reparto elettronico, con DTC (controllo dinamico della trazione) e modalità di guida "Eco" di serie, elementi atti a migliorare la sicurezza e l'efficienza a livello di consumi. Tra gli accessori, i più attenti noteranno sicuramente il Riding Mode Pro, il quale permette di personalizzare la modalità di guida preferita, impostando anche il controllo della coppia di trascinamento del motore MSR. Quest'ultimo risulta utile per evitare perdite di controllo del mezzo causate da un eccessivo freno motore sulla ruota posteriore. In quanto Sport Tourer, la R 1250 RS è dotata di BMW Integral ABS Pro di serie, sistema di assistenza alla frenata sviluppato grazie all'esperienza maturata sulla più sportiva S1000RR, e del nuovo Dynamic Brake Control (DBC), che evita l'attivazione involontaria dell'acceleratore.

 Immancabili su tutti i veicoli di gamma premium, la BMW R 1250 RS è dotata di un display a colori TFT con navigazione a frecce integrata e ampia connettività. L'utente può scegliere tra display personalizzati per vari scopi: in modalità Sport, ad esempio, fornisce informazioni in tempo reale sull'angolo di piega attuale e massimo, nonché sugli interventi di controllo, come l'ABS Pro o il DTC. 

Per chi usa la moto come mezzo quotidiano, BMW offre tra gli optional il sistema di riscaldamento della sella per il pilota e il passeggero, esclusivamente in combinazione con le manopole riscaldate, regolabili su ben cinque livelli

Le varianti cromatiche sono tre: la base è caratterizzata da telaio nero e sovrastrutture nella colorazione Icegrey non metallizzata. Chi invece opta per il modello Triple Black Sport, disponibile come optional da fabbrica,può scegliere tra due concept cromatici, sport (finitura della carrozzeria Lightwhite non-metallizzata/Racingblue metallizata/Racingred, telaio Lightwhite non-metallizzata, pinze dei freni anteriori/posteriori dorate, spoiler anteriore blu, parabrezza, posteriore monoposto con pacchetto passeggero optional) oppure Triple Black (colore carrozzeria Blackstorm metallizzato, telaio grigio agata, pinze freno anteriori/posteriori dorate, spoiler motore in acciaio inox, finiture serbatoio Pure, posteriore singolo con opzione passeggero optional).

Nota dolente: il prezzo. 17000 Euro non sono pochi, ma per viaggiare velocemente e comodamente in classe premium non si può spendere meglio di così. 

Next Post

Stampa 3D applicata alle moto con M.A.U.

La stampa 3D è sempre più utilizzata nel mondo delle moto. Versatilità, abbattimento dei costi e libertà creativa sono solo alcuni dei vantaggi che questo strumento sta portando alle case madri, che sempre di più cercano partner che li affianchino. Se tutto era iniziato dalla stampa di prototipi quest'anno Ducati ha addirittura vinto il mondiale con pezzi stampati in 3D montati.
stampa 3D