Ottobre 2022, appuntamento con la X-Cape Offroad Camp

Valerio Garagiola

X-Cape Offroad Camp: trovata originale o copia di qualcosa che la concorrenza sta già mostrando? La prima impressione non è sempre quella corretta

La formula della giornata didattica organizzata direttamente dalle Case Madri si sta dimostrando vincente, come dimostrato da Suzuki e BMW. Ovviamente Moto Morini, forte della sua nuova fase storica caratterizzata dai nuovi modelli X-Cape 650 e Seiemmezzo, vuole mostrarsi al passo coi tempi, offrendo la possibilità di poter saggiare le qualità fuoristradistiche della loro enduro con l'omonimo Off-road Camp. 

Ciò che contraddistingue il Camp Moto Morini è l'istruttore: Luca Marcotulli, pilota poco più che trentenne ma con già parecchia esperienza alle spalle, con ottimi piazzamenti nelle competizioni enduro nazionali e con già anni di esperienza nel campo della formazione. Un altro elemento che caratterizza X-Cape Offroad Camp è la location, Il Poggio della Pieve, casale del 1720 che sorge poco lontano dal borgo di Pieve Santa Luce in provincia di Pisa, circondato da ulivi e campi di grano duro, che offrono gli spazi ideali per poter imparare a gestire il mezzo su fondi con pochissima aderenza.

Il primo ed unico appuntamento 2022 di X-Cape Offroad Camp è stato fissato per il weekend 28-30 ottobre, con un programma molto semplice quanto intenso: venerdì è totalmente dedicato alla registrazione dei partecipanti ed alla cena di briefing per le attività del Camp; il sabato è totalmente dedicato alla formazione, così come la mattinata di domenica. 

Il prezzo dell'evento è di 790 Euro e comprende le due cene con pernottamento e colazione presso Il Poggio della Pieve in camera doppia (singola con supplemento di 30€ a notte), le escursioni Offroad con guida locale, trainer e assistenza. Il costo aumenta raggiungendo quota 990 Euro qualora si decidesse di utilizzare una moto a noleggio. 

Se da una parte la somma non si possa certamente definire popolare, dall'altra sarà possibile, per possessori e non possessori di X-Cape 650, capire se con un mezzo da meno di 10.000 Euro è possibile andare in ufficio tutti i giorni senza problemi quanto eventualmente affrontare fondi sterrati senza alcun timore. La qualità dei mezzi nel segmento media cilindrata si fa sempre più alta e la casa pavese può dimostrare che la X-Cape ha contenuti e caratteristiche del tutto simili ad una moto di fascia premium.

Next Post

Superbike: e se a Rea e Kawasaki non servisse una moto nuova, ma solo i 500 giri tolti?

La nuova Kawasaki ZX-10RR dovrebbe arrivare a fine 2023, ma ad Akashi potrebbero omologare una diversa specifica di motore per recuperare i famosi 500 giri tolti alla vigilia dell'inizio del mondiale Superbike 2021, quando l'unità che equipaggia la Ninja fu giudicata non sufficientemente nuova per godere dei benefici regolamentari. Un nuovo motore potrebbe bastare, a Jonathan Rea?
Jonathan Rea-Kawasaki Portimao 2022