Ohvale GP-2: la piccola che domina la pista

Chiara Godio

Ohvale ha appena presentato la nuova GP-2: 100% DNA sportivo, evoluzione della GP-0, la piccola ha tutte le caratteristiche per dominare la pista

Sulla scia del successo della GP-0, è stata da poco presentata la nuova Ohvale GP-2. Si tratta di una particolare tipologia di mezzo: pur essendo di dimensioni inferiori a una moto standard da strada, ha caratteristiche tali per cui non possiamo classificarla né tra le pitbike né tra le minimoto. Vediamola nel dettaglio.

Ohvale GP2 BlackSX-768x477 

 

Innanzitutto, di che tipo di moto stiamo parlando? Per dirla con le parole di Valerio Da Lio, fondatore dell’azienda, parliamo di una moto “dal DNA 100% sportivo, che offra il divertimento di una vera moto, guidando con facilità, osando come solo i piloti professionisti si possono permettere.” Una vera moto, quindi “con ergonomia accessibile, facile e giocosa, che permette una guida estrema, da vera moto racing, abbattendo però drasticamente i costi e tutte le scomodità connesse alle trasferte in pista.”

Sono ormai passati 9 anni dal lancio del primo modello, la GP-0, e le novità della nuova Ohvale GP-2 sono svariate.

Ohvale GP2 WhiteSX-768x686 

Il telaio è stato riprogettato: più lungo e con un angolo di sterzo più ampio di 0.5°. La posizione del motore è stata rivista per ottimizzare il baricentro della moto. Per un corretto tiro catena è stato riposizionato il perno forcellone. Anche l’avantreno è stato rivisto, con montaggio di cuscinetti di sterzo conici per una regolazione più precisa dello sterzo. La nuova posizione del fissaggio ammortizzatore sul telaio e forcellone migliora la sensibilità alle basse velocità. Il forcellone è stato allungato di 25mm. La ruota anteriore si può ora smontare senza togliere la pinza freno, grazie all’ aumento dell'interasse delle piastre di sterzo. La piastra superiore ha una nuova estetica e la regolazione manubri integrata stile MotoGP Sono stati riprogettati i collari semimanubrio che, attraverso un diverso sistema di fissaggio, migliorano la robustezza. Il perno ruota anteriore passa a un diametro 15 per aumentare la rigidità torsionale della forcella. Quest'ultimo è di serie con precarico molla e piedino CNC. Lo stelo è da 33mm.

Il nuovo impianto freno anteriore di Ohvale GP-2 – nato dalla collaborazione di Ohvale con l'azienda spagnola J.Juan – ha una migliore potenza frenante e una maggiore resistenza (nessun allungamento della corsa della leva). E' composto da: pinza radiale con 4 pistoncini diametro 25mm e dimensioni più grandi per lo smaltimento del calore; disco freno flottante diametro 220mm; nuova pompa con leva regolabile più lunga per una migliore ergonomia.

Aumenta anche la dimensione dei cerchi, che passano da 10” a12", fusi in conchiglia, quindi con una tecnologia che permette di ottenere una fusione con tolleranze più precise e caratteristiche meccaniche migliori. I cerchi sono equipaggiati di cuscinetti che permettono di montare i distanziali fissi alla ruota. Anche l’ergonomia è stata ovviamente completamente rivista: pedane, sella e semimanubri sono stati riprogettati e riposizionati. La sella è stata allungata. La carenatura è stata anch’essa riprogettata nelle dimensioni ed estetica. Il motore rimane lo stesso della GP-0: si tratta del Daytona 190 (187cc) a 4 marce. La nuova Ohvale GP-2 è già disponibile in prevendita, e il prezzo dovrebbe partire da 6.300€.

Per ulteriori informazioni, è possibile contattare direttamente Ohvale

Ohvale GP2 LOGO-300x126

Next Post

CRC di MV Agusta rinnova uffici e staff

Il CRC, Centro Ricerche Cagiva, rinnova spazi e staff con l'arrivo del designer Stephane Zache con il chiaro obiettivo di creare sempre più nuovi modelli

Iscriviti alla newsletter