Mercato moto, a luglio +25,7%

Valerio Garagiola

Il 2020 procede molto bene per il mercato moto, recuperando i mesi di stop totale. Altrettanto bene anche per l’elettrico, con previsioni di ulteriore crescita

I dati di mercato delle due ruote a motore di luglio fanno registrare ancora un aumento a doppia cifra, con un + 25,7% sullo stesso mese del 2019. Nel comunicato diffuso da ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo e Accessori), il presidente dell’associazione dell’industria di settore Paolo Magri dichiara

Si tratta di una crescita per certi versi inaspettata, segno di un’interessante attitudine degli italiani verso le due ruote non solo per passione e per un rinnovato desiderio di svago, ma anche come strumento di mobilità individuale fruibile, veloce e sostenibile. Va considerato che il lockdown ha interrotto il mercato nel momento di massima vitalità, ma l’andamento positivo di questi ultimi due mesi di ripresa è significativo e dà fiducia al settore e a tutta la filiera, anche se riduce solo parzialmente l’impatto su un 2020 che segna un -14,63% nelle immatricolazioni: l’autunno fa ancora paura. Questi risultati sono stati ottenuti anche grazie agli importanti sforzi economici che le case e la rete di vendita hanno sostenuto per tenere viva la domanda, introducendo politiche commerciali aggressive in un contesto di grave crisi e incertezza.

 

 

Nel corso di luglio, il totale immatricolato raggiunge quota 36.824, facendo di luglio il secondo mese per vendite del 2020 dopo giugno. Il mercato del targato è trainato, ancora una volta, dalle moto, che fanno segnare un aumento del 31,11%, pari a 15.040 veicoli venduti; seguono gli scooter con 21.751 pezzi, corrispondenti ad una crescita del 20,48% rispetto a luglio 2019. In positivo anche i ciclomotori, che fanno registrare 3.281 pezzi venduti, equivalenti ad un incremento del 17,3% sull'anno precedente; complessivamente il totale mercato nel mese di luglio fa segnare una crescita del 25,7%, corrispondente a 40.105 veicoli immessi sul mercato.

Passando al dato cumulato (gennaio – luglio 2020), i primi sette mesi dell'anno registrano un significativo recupero nella perdita dei volumi dovuta al Covid-19, con un calo delle vendite pari a – 14,63% per un totale di 143.746 veicoli. Analogo l'andamento di moto e scooter, con le prime che fanno segnare una perdita del 15,29%, corrispondente a 63.027 veicoli venduti e i secondi che si attestano a 80.587 unità, pari a una flessione del 14,10%. I ciclomotori totalizzano 11.264 pezzi venduti, corrispondenti a un calo del 9,37%.

 

Anche il mercato del settore elettrico continua con un trend positivo, che nei primi sette mesi dell'anno tocca la quota di 4.700 veicoli venduti e un incremento pari al 67,9% rispetto allo stesso periodo del 2019. Le novità normative introdotte dalla conversione in legge del decreto crescita e da poche ore entrate in vigore lasciano prevedere un’ulteriore accelerazione del segmento a partire dal prossimo mese.

 

 

 

Hits: 2

Next Post

Aprilia: dopo RS, Tuono e Tuareg 660, anche una Pegaso?

Aprilia Pegaso 660. Suggestione o una futura crossover su base bicilindrico 660 dal nome che rievoca un famoso modello del passato della casa di Noale? A dare il via al tutto è stato un post del marchio veneto sulla sua pagina Facebook e riguardante la Pegaso di 30 anni fa.

Iscriviti alla newsletter