La storia di Norton dopo l’acquisizione di TVS

Valerio Garagiola

Dall’acquisizione da parte di TVS, la piccola azienda inglese Norton sta sistemando tutte le incombenze per poter tornare alla grande anche nelle gare

Dopo l'acquisizione di Norton da parte del colosso indiano TVS, (società multinazionale con sede a Chennai, in India; la terza più grande in India, con un fatturato di oltre annuo di 3 milioni e una capacità produttiva annuale di oltre 4 milioni di veicoli) la centenaria casa costruttrice inglese è stata oggetto di piccole rivoluzioni interne.

Norton, come dichiara il loro CEO ad interim John Russell, ha grandi progetti per il futuro, nonché un ritorno alle corse

C'è così tanta magia in Norton. Sono cresciuto nell'era in cui Geoff Duke era ancora un pilota attuale, i Manx Norton erano appena usciti di produzione e avevano smesso di vincere e Norton era ancora un marchio molto forte.

 

 

Dopo una carriera nel settore automobilistico, Russell passò alle due ruote unendosi ad Harley-Davidson. Sette anni fa, iniziò a lavorare con TVS sette anni fa, affermando che la società indiana ha sempre cercato di acquistare un noto marchio di motociclette.

Una volta che Norton si è fatto avanti, l'azienda si è mossa rapidamente, acquistando in toto il marchio inglese permettendo alla produzione di rimanere nei locali già presenti per sei mesi, con la prospettiva della costruzione di un nuovo stabilimento.

Tra le ultime notizie che coinvolgono la storica factory inglese, che ha lasciato alle sue spalle parecchi debiti, è la pubblicazione dello statuto finanziario dell'azienda: i dati stimati dichiarano che ci saranno abbastanza soldi per rimborsare tutti i creditori. La documentazione è stata depositata in aprile (ma solo rilasciata pubblicamente) e sulla base dei dati stimati inclusi all'interno, suggerisce che se tutte le attività vengono realizzate, in realtà ci sarà un surplus finanziario una volta che tutti i creditori saranno pagati.

 

Buone notizie quindi per la factory inglese, icona del mondo classic bike. Speriamo di poter rivedere le Frecce d'Argento sfrecciare nelle strade della Road Races. L'ultima apparizione risale al 2016, anno dove hanno partecipato al Tourist Trophy nella categoria Superbike e Lightweight 650.

 

Hits: 15

Next Post

Superbike Jerez 2020, a ruote ferme: Redding Vs. Rea

Ducati contro Kawasaki e Scott Redding contro Jonathan Rea. Dopo i due primi round del mondiale é l'inglese sulla rossa a guidare le danze, ma il nordirlandese 5 volte campione del mondo non molla. Portimao, in programma il prossimo fine settimana, sarà una nuova occasione che i due piloti avranno per misurare le loro performance ed aspirazioni di titolo mondiale.

Iscriviti alla newsletter