KTM SX-E 5 (e similari), piccole elettriche per le competizioni europee

Valerio Garagiola

La casa austriaca continua ad investire risorse anche nel mondo delle competizioni, avvicinando i più piccoli alla SX-E 5, tassello in modalità Eco

L'evoluzione della mobilità passa anche attraverso l'elettrificazione, e le competizioni con propulsione elettrica sono un modo per mescolare la crescita tecnologica e il mero piacere delle gare. KTM, dopo diversi investimenti nel mondo racing e stradale, investe nel mondo elettrico, confermando l'ufficializzazione della European Junior Motocross Series. Il debutto nel 2021 fu un buon successo, e si riconferma per la prossima stagione, aprendo le porte ai bambini tra i 6 e gli 8 anni (età al primo gennaio 2022) e alle loro KTM SX-E 5. Alla competizione sono ammesse anche la Husqvarna EE 5 e la Gas Gas MC-E 5.

Il campionato prevede cinque tappe che correranno all’interno di appuntamenti con il campionato mondiale MXGP. Il formato è analogo a quello della MXGP: una sessione di prove cronometrate che serve a determinare l’ordine al cancello di ciascuna delle due manche. Il punteggio di giornata è assegnato sulla base dei risultati nelle due manche, e i migliori tre piloti salgono sul podio della MXGP. La prima prova sarà in Spagna il 29 maggio, mentre le altre quattro seguiranno nei mesi estivi: Francia e Germania, per poi concludersi con una doppia tappa a Loket, nel MXGP della Repubblica Ceca, il 16 e 17 luglio.

Chi si iscriverà al campionato ed utilizzerà la elettrica austriaca SX-E 5, avrà diritto anche ad una serie di accessori ufficiali KTM; inoltre, il prossimo campione del Campionato riceverà come premio un viaggio tutto spesato per lui e un accompagnatore al Motocross delle Nazioni FIM a settembre. I piloti che parteciperanno a tutte e cinque le tappe potranno invece essere invitati a uno stage di fine stagione, alla presenza dei fuoriclasse del Red Bull KTM Factory Racing Team.

Next Post

Superbike 2022, Aragon: a motori spenti

Primo round del mondiale Superbike 2022 ad Aragon, dove non è mancato lo spettacolo tra i tre contender al titolo, Bautista, Rea e Razgatlioglu e le rispettive Ducati, Kawasaki e Yamaha. Non male Honda. Non benissimo BMW.
Superbike Aragon 2022

Iscriviti alla newsletter