KTM RC 990: la supersportiva austriaca è in arrivo?

Gianluca Salina

Telaio a traliccio, motore di 990 cc ed elettronica al top. Sono alcune delle caratteristiche avrà la KTM RC 990, la supersportiva della casa di Mattighofen pizzicata durante i collaudi. Arriverà probabilmente nell’autunno del prossimo anno.

Anche se la versione 2023 limited edition della RC8C (KTM RC8 C 2023 – La “piccola” MotoGP quasi per tutti.) è andata in sold out nell'arco di pochi minuti, KTM non sembra intenzionata a proporne una versione standard da inserire a listino. La ragione di questo risiede probabilmente nella volontà di rinnovare completamente la gamma nell'autunno del prossimo anno, in vista dell'entrata in vigore delle nuove normative anti-inquinamento Euro 5+.

La casa di Mattighofen è però già ovviamente al lavoro su quella che sarà la nuova piattaforma che, secondo voci molto vicine alla casa arancione, sarà realizzata attorno ad un motore di circa 990 cc. Tra i modelli previsti anche, e per gli appassionati dei semimanubri finalmente, una supersportiva che, a quel punto potrebbe chiamarsi KTM RC 990, come suggeriscono i colleghi di colleghi di Motorradonline.de che hanno pubblicato per primi le foto della moto durante i collaudi su strada.

Il modello dovrebbe sfruttare in larga parte la base data dalla RC8C/890 Duke, ma utilizzando materiali più comuni ed adatti ad una produzione in serie su ampia scala. Dal momento che notizie ufficiali da quartier generale di KTM non ce ne sono, occorre lavorare di supposizioni miste all'analisi che si può fare da qualche fotografia catturata di sfuggita durante il test.

Partendo dal motore e considerando che possa rimanere all'incirca sugli stessi valori di potenza specifica dell'attuale bicilindrico montato sulla serie 890, è lecito attendersi una potenza dell'ordine dei 135-140 cavalli ed una coppia di circa 100 Nm. L'abbinamento di questo valore con un peso "light" renderebbe la KTM RC 990 una avversaria naturale per le uniche due moto che oggi  popolano questo segmento di mercato, vale a dire la Ducati Panigale V2 e la MV-Agusta F3-800.

La moto pizzicata in collaudo dai colleghi tedeschi non si può ancora definire un esemplare di pre-serie e questo concorre all'ipotesi che l'arrivo sul mercato del modello non sarà così immediato. Le immagini sono però utili per analizzare numerosi aspetti della futura supermedia di Mattighofen che, di fatto, raccoglierà in larga parte l'eredità della RC8/RC8R mossa dal motore V2 di di 1148 cc nella sua prima versione, divenuti poi 1195 con l'arrivo del modello a doppia candela.

La sportiva, che dovrebbe fare il paio con la 990 Duke sorpresa durante degli analoghi test ad inizio 2022, conserva il telaio a traliccio e presenta un frontale dallo spiccato family feeling con le serie RC di minore cilindrata, anche se la forma del proiettore è diversa. Differente è anche il telaietto posteriore, così come il forcellone in alluminio, che non trova riscontri né sulla attuale serie 890, nè sulla RC8C e su cui agisce un mono, certamente WP, probabilmente la stessa unità APEX pluriregolabile già impiegata sulla 890 Duke.

Quest'ultima appare più corta o comunque fissata al telaio più in basso rispetto alla soluzione adottata sulla naked oggi in commercio. Anche l'elettronica della KTM RC 990 dovrebbe derivare dalla 890, con l'aggiunta di funzionalità specificatamente concepite per l'utilizzo in pista come il controlo di derapata, oltre ai più "classici" traction control, cornering ABS, controllo di stabilità ed anti-impennata, il tutto gestito da una IMU a 6 assi.

A suggerire che l'esemplare fotografato non sia ancora nella sua veste finale ci pensano anche le pedane passeggero che hanno l'insolita prerogativa di essere regolabili ed idem dicasi per il terminale di scarico, chiaramente un componente di sviluppo. Nella parte anteriore spicca l'adozione delle pinze Brembo Stylema che mordono dischi che sembrano essere da 320 mm, mentre la presenza di semimanubri posti tradizionalmente sotto la piastra di sterzo sta a significare la vocazione sportiva pura.

La strumentazione si affida ad un display TFT di grandi dimensioni, mentre sulla carena non ci sono appendici aerodinamiche che oggi sono un must per le supersportive e che hanno fatto sfoggio sulla RC8C, altro indizio che la moto non sia al momento in configurazione finale. Occhi puntati sui saloni autunnale del 2023 per questa moto che, per la sue caratteristiche ed il segmento di mercato in cui si andrà a posizionare, dovrebbe avere un costo nell'intorno dei 16 mila Euro.

GALLERY COMPLETA IMMAGINI KTM RC 990

Image credits: Motorradonline.de

Next Post

Kabuto, il ritorno solitario dei caschi giapponesi

Dopo anni di assenza, la giapponese Kabuto ritorna al salone di Milano come espositore indipendente rispetto ad Honda e non mancano le novità