Il logo QJ Motor nel motomondiale 2022

Valerio Garagiola

La realtà cinese QJ Motor, molto vicina a KTM, debutta sulle carene delle RC250GP del team spagnolo Esponsorama, seguendo lo stesso percorso di CFMoto

Il Motomondiale 2022 avrà sempre più quote cinesi: dopo l'annuncio del "debutto" di CF Moto con il team Prustel, ora è il turno del team Esponsorama Moto3, che manderà in pensione la livrea blu a favore di una colorazione con toni rossi e il logo QJ Motor in bella mostra.

Come abbiamo già ampiamente spiegato, QJ Motor è il colosso cinese produttore di moto e scooter che nel recente passato ha acquistato il marchio italiano Benelli ed ha permesso alla casa pesarese di essere in vetta alle classifiche di vendita grazie alla TRK502, moto da viaggio con prezzo in linea con gli scooter di media cilindrata. 

Questa semplice operazione di marketing, ma dal grande ritorno dal punto di vista commerciale, amplierà il dominio KTM nella categoria d'ingresso al motomondiale: di fatto, KTM, Husqvarna, Gas Gas, la CF Moto del team Prustel e la QJ Motor del team Esponsorama sono la stessa RC250GP, che nel Campionato 2021 ha permesso al rookie Pedro Acosta di vincere il Mondiale Moto3 al debutto; lo stesso Acosta ha partecipato in maniera attiva allo sviluppo della nuova Moto3 2022, dando valore aggiunto ad un progetto non solo ampio, ma anche vincente.

L'arrivo in maniera più o meno ufficiale di nuovi brand nella categoria quarto di litro fa sì che l'unico costruttore in grado di poter concorrere con "farina del suo sacco" contro KTM è Honda: la sua NSF250RW sarà utilizzata solo da cinque dei team Moto3.

Moto austriaca con logo cinese in bella mostra, ma fantini italiani: i due piloti che occuperanno la sella delle due moto Esponsorama Moto3 sono Matteo Bertelle ed Elia Bartolini, entrambi al debutto come piloti ufficiali nel Motomondiale, ma entrambi vantano una wild card nel Campionato 2021, con il team VR46, impegnato nel CIV 2021.

Next Post

Yamaha R7 vanterà più cavalli grazie ad Akrapovic

Se Babbo Natale vi ha portato la nuova Yamaha R7 e il kit GYTR è troppo, Akrapovic ha pensato ad uno scarico dedicato a chi vuole uno scarico Top Level

Iscriviti alla newsletter