Pirelli Diablo Rosso IV, evoluzione più sportiva

Valerio Garagiola

Pirelli è la prima casa costruttrice di pneumatici a presentare un nuovo modello 2021; il Diablo Rosso IV, adatto alle sport tourer quanto alle sportive

L'unica componente che permette alla moto di toccare l'asfalto è la gomma e la sua evoluzione, negli ultimi venti anni, è stata a dir poco dirompente. Pirelli per questo 2021 presenta la quarta generazione del suo pneumatico dedicato all'utenza più sportiva, il Diablo Rosso IV.

Il marchio Diablo debuttò nel 2002 ed identifica pneumatici dedicati all'uso sportivo su strada; nel 2008, viene introdotto il modello Diablo Rosso, che negli anni ha equipaggiato diverse tipologie di mezzi, dalle moto stradali alle moto sportive con Diablo Rosso III e Diablo Rosso Corsa II; il know-how acquisito è stato impiegato anche per lo sviluppo di pneumatici destinati agli scooter (Diablo Rosso Scooter).

Il posizionamento nella gamma supersportiva di Pirelli Diablo Rosso IV si inserisce nella gamma come prodotto supersportivo dal comportamento bilanciato tra prestazioni sportive stradali, unite a resa chilometrica e grip su bagnato. Rispetto al Diablo Supercorsa SP (studiato per essere utilizzato in pista) e al Diablo Rosso Corsa II (studiato per un uso 50% stradale e 50% pista) Diablo Rosso IV è destinato all'uso maggiormente stradale, con particolare attenzione al chilometraggio e al comportamento su bagnato.

Il nuovo Diablo Rosso IV è dedicato ai possessori di moto supersportive o hypernaked, che amano una guida sportiva su strade tortuose e sui passi di montagna, da soli o con passeggero, a prescindere dalle condizioni climatiche. Anche le attuali crossover sportive (Ducati Multistrada V4, ad esempio) possono equipaggiare questi pneumatici, grazie alla buona resa chilometrica. Le misure disponibili, a partire da febbraio, sono 5 anteriori (110/70 R17, 110/70 ZR17, 120/60 ZR17, 120/70 ZR17,120/70 ZR17) e ben 10 posteriori (140/70 R17, 150/60 R17, 150/60 ZR17, 160/60 ZR17, 180/55 ZR17, 180/55 ZR17 M/C, 190/50 ZR17, 190/55 ZR17, 200/55 ZR17, 200/60 ZR17)

Il battistrada del pneumatico anteriore è suddiviso in tre zone utilizzando due mescole differenti. La fascia centrale, corrispondente all'area di contatto fino ai 35 gradi di angolo di piega, presenta una mescola più dura ad alto contenuto di silice (Full Silica) ed occupa il 50% della porzione del profilo. Le fasce laterali invece hanno una mescola più morbida, sempre ad alto contenuto di silice, per avere grip anche alle basse temperature.

Per il pneumatico posteriore, invece, sono state sviluppate due diverse soluzioni, a seconda della tipologia di moto e della potenza erogata. Le misure posteriori fino al 190/50 ZR17, equipaggiamento di motociclette di bassa e media cilindrata, sono bimescola e disposte secondo uno schema Cap&Base. La mescola più dura alla base, che fuoriesce nella fascia centrale, è Full Silica e garantisce rapido riscaldamento e resa chilometrica. Le mescole laterali, sempre ad alto contenuto di silice, sono più morbide e sono state sviluppate appositamente per questo pneumatico, per massimizzare il range di utilizzo.

Il battistrada delle misure 190/55 ZR 17 e superiori, sono suddivisi in cinque zone, utilizzando tre mescole differenti: la mescola centrale, più dura e con alto contenuto di silice, fornisce stabilità ad alta velocità, omogeneità d’usura e chilometraggio; la mescola intermedia ha una formulazione Full Silica per fornire grip su asciutto e su bagnato; la mescola delle spalle infine deriva da quella utilizzata dal Diablo Supercorsa SC3 e grazie allo schema Cap&Base offre supporto in piega e trazione in accelerazione per gestire la coppia generata dalle superbike di ultima generazione.

Per quanto riguarda lo sviluppo dei profili, Pirelli sfrutta tutto il know-how acquisito nel Mondiale Superbike: la fascia centrale ha un profilo più acuto per facilitare una discesa in piega immediata e cambi di direzione rapidi, mentre le fasce laterali hanno curvatura meno accentuata, al fine di aumentare l’area di contatto e garantire la massima trazione in curva. Rispetto alla versione precedente, il pneumatico Diablo Rosso IV posteriore nella misura 200/55 ZR 17 presenta un profilo più alto nella parte centrale e più largo ai lati; allo stesso tempo la curvatura in spalla è stata ottimizzata per offrire più sostegno in uscita di curva,a tutto vantaggio della trazione. Il pneumatico anteriore segue una impostazione simile a quella del posteriore assicurando in questo modo un comportamento bilanciato e neutrale.

Anche per la quarta generazione di Diablo Rosso, confermato l’iconico intaglio a fulmine, che lascia spazio a spalle più slick, per avere maggiore superficie di contatto oltre i 35 gradi di piega. L'orientamento favorisce un consumo più omogeneo e allo stesso tempo assicura un’efficace evacuazione dell’acqua in rettilineo. Intorno al disegno centrale, in corrispondenza dei primi angoli di piega, nuovi intagli laterali garantiscono la corretta conformabilità del pneumatico e continuano il compito di evacuazione dell’acqua. Al posteriore, sono presenti meno intagli nella parte centrale, per avere maggiore stabilità alle alte velocità e resa chilometrica.

Nuova anche la struttura: impiega corde in Rayon di maggior rigidezza e allo stesso tempo distribuite con una fittezza minore. Questo schema lascia più spazio alla mescola che, grazie alle sue proprietà smorzanti, migliora il feeling e la precisione di guida. Nelle misure posteriori 190/55 ZR17 e superiori è stata adottata una struttura in Lyocell a tre filamenti (soluzione già utilizzata nel Campionato Superbike) che si caratterizza per un rapporto di deformazione notevolmente inferiore rispetto a quello normalmente impiegato nei pneumatici stradali. Le rimanenti misure posteriori, fino a 190/50 ZR17, presentano una struttura in Rayon che lascia spazio alla mescola di gommatura per calibrare al meglio la rigidezza del pneumatico lungo il suo profilo. La combinazione delle strutture di anteriore e posteriore lavora in modo ottimale con i più avanzati sistemi elettronici di controllo.

Next Post

Suzuki Hayabusa 2021: il ritorno del falco

Una moto per certi versi fuori da un tempo, il nostro, sempre più omologato e, proprio per questo, ancora più interessante. E' la Suzuki Hayabusa, che ha fatto sognare due generazioni di motociclisti e torna dopo oltre tre anni di assenza dal listino della casa di Hamamatsu, senza rinunciare a nessuna delle caratteristiche che l'hanno resa famosa ed anzi, gli uomini in blu assicurano che è più adrenalinica che mai. Arriverà nelle concessionarie a marzo.
Suzuki Hayabusa

Iscriviti alla newsletter