DDG Magazine Test: jeans Racered Clypse

Valerio Garagiola

La scelta del jeans moto è sempre difficile e si devono mettere sul piatto della bilancia diversi fattori: Racered ha cercato e forse trovato il giusto mix

Quando pensiamo ad un jeans moto, quali sono le caratteristiche che prendiamo in considerazione? Estetica, dotazione tecnica, protezione, praticità e discrezione sono caratteristiche che si devono amalgamare al meglio per poter utilizzare un capo tecnico con la stessa praticità di un capo "civile", senza avere l'impiccio di voluminose protezioni. 

Tra i vari modelli presenti sul mercato, l'azienda italo-spagnola Racered porta sul nostro mercato i suoi capi, caratterizzati da uno stile che può accontentare tutti e dalle protezioni Sas-tec, in grado di modellarsi alle forme del corpo con il solo calore della pelle. Il modello che abbiamo testato è il Clypse (189 Euro), caratterizzato da uno stile estremamente semplice.

Al tatto, il tessuto esterno (99% cotone e 1% elastene) è di qualità pregevole, con interni in tessuto nelle zone nevralgiche (ginocchia e zona del bacino) e tasche dove inserire le protezioni. Il materiale Sas-tec, grazie alla sua flessibilità, permette di inserire le protezioni senza problemi anche indossando i pantaloni, grazie alle zip presenti lateralmente alla gamba del pantalone. La zip della tasca inoltre segue esattamente la linea di cucitura del capo, particolare piuttosto apprezzabile. Le protezioni del bacino invece non sono così facilmente rimovibili. Complessivamente, anche camminando per diverso tempo, le presenza delle protezioni passa in secondo piano.

A contribuire alla praticità di tutti i giorni, sul jeans Racered Clypse sono presenti 4 tasche e un anello in metallo, utili per bloccare le chiavi di casa o la catena del portafogli. La dimensione e l'accesso delle tasche è adatta anche per oggetti relativamente voluminosi.

Per quanto riguarda la resistenza del tessuto ai lavaggi, le alte temperature e le centrifughe più insistenti non hanno compromesso la qualità del colore e la trama del jeans. Anche l'asciugatrice, sebbene sconsigliata, viene sopportata senza troppi problemi.

Il confort durante l'utilizzo è complessivamente buono, sia nelle giornate più calde sia in quelle più fresche; al contatto con la pelle, il jeans risulta sempre piacevole. Soltanto durante le mattinate più fredde si sente la mancanza di uno strato di tessuto in più, ma questo andrebbe a compromettere la versatilità del jeans. 

Si tratta complessivamente di un prodotto molto buono; l'unico neo, l'assenza di un trattamento idrorepellente, che può far comodo in caso di pioggia improvvisa e non abbiamo con noi il kit antipioggia.

Hits: 19

Next Post

Benelli Week 2020 dal 14 al 20 settembre: il programma

E' iniziata la Benelli Week 2020, l'evento dedicato a tutti gli appassionati della casa di Pesaro, in programma nella città marchigiana dal 14 al 20 settembre. La manifestazione di quest'anno, come sempre aperta a tutte le marche e tipologie di moto, sarà dedicata al pilota Dario Ambrosini, che settant’anni fa si aggiudicò il titolo mondiale in sella alla Benelli 250, vincendo anche il Tourist Trophy.

Iscriviti alla newsletter