Dakar 2017: come vederla in tv

Gianluca Salina

Dakar 2017 al via con 167 motociclisti che scatteranno oggi da Asunçion, in Paraguay, fiduciosi di essere tra quelli che taglieranno il traguardo, il 14 Gennaio, in quel di Buenos Aires, in Argentina, dopo 9000 km di gara, molti dei quali passati ad oltre 4000 metri di altitudine, con prove speciali massacranti per uomini e mezzi.

Inizia oggi la Dakar 2017, prima corsa di rilievo del nuovo anno, oltre che più importante competizione off-road del mondo. Questa edizione, la trentanovesima, sarà la seconda con Marc Coma alla direzione tecnica, dopo il positivo esordio del 2016. Menù ridotto, per la prima giornata, che prevede un cronoprologo di 39 km, su un percorso complessivo di 454.

I piloti partiranno da Asunçion, in Paraguay, per arrivare a Buenos Aires, in Argentina, il 14 Gennaio, dopo essere passati dalla Bolivia, per una lunghezza totale di circa 9000 km. Al via tutti i maggiori specialisti dell'off-road a due ruote, con gli occhi puntati sul vincitore dell'anno scorso, Toby Price e lo squadrone KTM.

dakar-2017

L'australiano dovrà guardarsi prima di tutto dai compagni di squadra, Sam Sunderland e Matthias Walkner, ma anche i "cugini" di Husqvarna, Pablo Quintanilla e Pela Renet promettono battaglia, così come Honda, protagonista in negativo dell'edizione 2016 e che si ripresenta ad Asunçion con i suoi due pezzi da novanta, Joan Barreda e Paulo Gonçalves.

Yamaha schiererà, come ufficiali, Helder Rodrigues, Adrien van Beveren ed Alessandro Botturi, unico italiano a gareggiare con una moto factory. Gli altri azzurri in corsa sarano Simone Agazzi (Honda),  Jacopo Cerutti (Husqvarna), Domenico Cipollone (KTM), Manuel Lucchese (Yamaha), Luca Manca (KTM), Livio Metelli (KTM), Matteo Olivetto (KTM), il leggendario Franco Picco (Yamaha), Alessandro Ruoso (KTM) e Diocleziano Toia (KTM).

Presenti, come ormai d'abitudine, anche la numero uno femminile dei raid, Laia Sanz (KTM), che avrà in Anastaja Nifontova (Husqvarna) e Rosa Romero Font (KTM) due agguerrite rivali per la classifica in rosa, oltre alla vecchia gloria della velocità Jurgen vd Goorberg (KTM), per quella che lo stesso Marc Coma ha definito la Dakar 2017 come l'edizione più dura che sia mai stata organizzata. Oltre a Honda, Husqvarna, KTM e Yamaha, ci saranno anche mezzi Kawasaki, Beta, Sherco TVS, Hero e Zonghshen.

dakar2017-logo

La copertura dell'evento sarà garantita da numerosi operatori tv, oltre che dal sito ufficiale della Dakar 2017, che offrirà aggiornamenti live. Fox Sport, divenuto una sorta di televisione ufficiale, garantirà nove ore di diretta al giorno. Per quanto riguarda l'Italia, saranno fondamentalmente due, i canali di riferimento.

Il primo è Eurosport (canale 210 di Sky), che ogni sera, alle 23:00 dedicherà uno speciale di 30 minuti sulla corsa, mentre Nuvolari (canale 61 del digitale terrestre), alle 21:00 manderà in onda Epic Rally Raid, una trasmissione condotta da Giorgio Bungaro e dedicata alle grandi maratone off-road.

Partecipa alla discussione sul Forum di Daidegas.

Next Post

Dakar 2017, Stage 1: vince Pedrero Garcia su Sherco TVS

Prima tappa della Dakar con due dei big, Price (KTM) e Rodrigues (Yamaha), un po' attardati lungo i 39 km del cronoprologo. Ha vinto lo spagnolo Pedrero Garcia (Sherco TVS), davanti a Ricky Brabec e Paulo Goncalves, tutti e due su Honda. Quinto Barreda (Honda). Domani lo Stage 2, di 803 km.

Iscriviti alla newsletter