CRF 150R: piccole ruote, divertimento esagerato, ma sensato?

Valerio Garagiola

Negli ultimi anni i costi di gestione e di utilizzo delle moto in pista è aumentato in maniera sensibile; per questo motivo, molti hanno ripiegato sulle pitbike: motard di dimensioni compatte (ci stanno comodamente in una monovolume), con gomme da 10 oppure 12 pollici, motore cinese con cilindro orizzontale, benzina e via a divertirsi nei kartodromi.
L'aspetto positivo di questa scelta è indubbiamente quello economico: una giornata in pista costa circa 50 euro, le gomme durano una stagione intera, senza contare che per la manutenzione bastano poche centinaia di euro. L'aspetto negativo sta nella affidabilità di questi motori: può capitare che un motore nuovo si possa rompere dopo pochi turni e la sua sostituzione può costare anche 500 euro.

Grazie all’accordo tra Honda Redmoto e la neonata azienda HRM Factory di Legnano, nasce una soluzione molto interessante in grado di unire l'affidabilità giapponese con i bassi costi operativi: CRF 150R in versione Minimotard “pronto gara” ed in quantità limitata.

HRM Factory, nata nei primi giorni del 2022, è stata creata per studiare e realizzare un progetto dedicato ai piloti che si cimentano a bordo delle CRF 150R nel “Trofeo Dodici Pollici Italian Cup” (trofeo nel quale la TT4 Barreca Racing ha militato per diverse stagioni, prima del debutto nel CIV Junior) e a tutti gli appassionati del settore.

Il propulsore è il monocilindrico 4t da 149cc, raffreddato a liquido, capace di 23cv di potenza grazie anche al carburatore Kehin da 32 mm. Il telaio è di taglio tipicamente motard, con culla chiusa in acciaio; al posteriore, il forcellone pro-link con ammortizzatore Showa a tripla regolazione con setting dedicato fa impallire le pitbike più blasonate. Anche all'anteriore è presenta componentistica giapponese dedicata alla CRF 150R. La quasi totalità del materiale impiegato sulla piccola Honda è made in Italy: corona, manubrio sono PBR, le sovrastrutture sono Ufo Plast, così come gli pneumatici di primo equipaggiamento, le PMT racing slick con mescola S.

Il prezzo al pubblico della CRF 150R Minimotard è di 7.499 Euro, franco fabbrica, e comprende anche alcuni accessori utili in pista, come i tamponi in teflon sull’asse anteriore e posteriore, conta ore a vibrazione resettabile e paramani chiusi con l'anima in metallo.  Tutte le moto vengono consegnate “pronto pista” con motore punzonato da rodare.

Per chi ha intenzione di acquistare questo giocattolo, può pensare di competere in uno specifico trofeo “STOCK” che dovrebbe prendere corpo nella stagione 2023, con classifica dedicata ai piloti della categoria Minimotard che parteciperanno con motori di serie, punzonati e gestiti direttamente dalla “Factory” Lombarda, a prezzi favorevoli.

Next Post

Batteria moto: piccola ed essenziale scatoletta

La batteria è sempre più importante e sapere le caratteristiche dei diversi tipi presenti sul mercato può essere un aiuto per un acquisto coscienzioso