Due nuovi caschi jet da Tucano Urbano e LS2

Valerio Garagiola

In questa anomala stagione motociclistica spuntano due nuove proposte i caschi jet provenienti da due marchi di riferimento nel settore città

Le prime giornate dopo il periodo di chiusura forzata sono state caratterizzate da afa e aria densa. In momenti come questo, avere un casco ben ventilato ha fatto decisamente la differenza. Tucano Urbano e LS2, due marchi di riferimento per i caschi urban dal buon rapporto qualità-prezzo, hanno sfoderato le loro novità per questa anomala stagione 2020.

 

La meneghina presenta El'Fresh (89.90 Euro, taglie dalla XS alla XL), un nuovo casco demi-jet con prese d’aria accuratamente disegnate per garantire la miglior ventilazione; il sistema, battezzato Dynamic Flow, convoglia il massimo flusso d’aria verso l’interno del casco attraverso i fori e le canalizzazioni presenti nell’EPS. L’interno termoformatogarantisce un buon ricircolo dell'aria per dissipare calore ed umidità residura. Durante la stagione invernale, le prese d'aria sulla calotta possono essere chiuse con delle apposite cover (vendute a parte). Posteriormente è presente una nervatura che aggiunge un tocco di sportività alla linea tondeggiante della calotta.  L’interno è realizzato in microfibra traspirante, anallergica, removibile e lavabile. La cuffia interna è in maxi-rete Aero 3D; i guanciali sono lavabili e staccabili, così come il paracollo realizzato in ecopelle traforata e rete Aero 3D. Il cinturino è dotato di chiusura micrometrica e di passante sottogola in microfibra. 
Il nuovo casco jet di Tucano Urbano, come da tradizione, è disponibile in svariate cromie.

 

Il colosso mondiale dei caschi LS2 invece propone Copter (a partire da 109 Euro, taglie dalla XS alla XXL) un jet in policarbonato di soli 1200 grammi. La calotta è prodotta in due misure ed è dotata di due ampie prese d’aria anteriori e di un estrattore posteriore. La visiera esterna trasparente, smontabile e sostituibile senza l’utilizzo di attrezzi, è ampia e scende fino oltre il mento; quella interna, anti-UV, si comanda con un tasto a scorrimento e protegge come un occhiale. La parte frontale del casco permette l’ingresso dell’aria con un flusso leggere avente funzione antiappannante. 
Le imbottiture sono tagliate al laser e realizzate con tessuti anallergici e traspiranti, che sono removibili e lavabili per la massima igiene. Il casco Copter è dotato di un sistema di sgancio rapido con regolazione micrometrica. 

 
 
 
 
Next Post

Suzuki pronta a riprendere il campionato MotoAmerica

Il campionato nazionale MotoAmerica riapre ufficialmente i battenti e il team Suzuki è tra i primi a presentarsi al completo nelle principali categorie

Iscriviti alla newsletter