Alpine Routes, il tour di Hertz Ride

Valerio Garagiola

Dopo un anno molto difficile per i tour operator, Hertz Ride organizza la parte finale della stagione 2020 in previsione di un ricco 2021

Hertz Ride, figlia della più famosa Hertz del mondo auto e veicoli commerciali, presenta "Alpine Routes", il primo tour guidato 2020 dell'azienda americana in previsione di una lunga serie per la stagione 2021. Nel corso del mese Hertz Ride divulgherà il nuovo portfolio di tour guidati in Europa, Nord Africa e Stati Uniti, tutti progettati per offrire il giusto mix di strade, esperienze cultuarli e gastronomiche.

Questo tour sarà guidato dal Global Tours Director Ricardo Serpa, entrato a far parte del mondo Hertz Ride all’inizio dell’anno per guidare la divisione tour. Una parte centrale del lavoro di Ricardo è la progettazione dei tour offerti dall’azienda, per assicurare che ognuno di essi abbia un’attrattiva unica e sia stato ricercato ed esplorato.

 

Sembra la perfetta combinazione di passioni e abilità, un’opportunità davvero unica per portare avanti un progetto di vita, e contribuire a raggiungere l’obiettivo di fare di Hertz Ride uno dei maggiori player della crescente industria del moto-turismo.”

Alpine Routes parte e termina a Milano, con soste in luoghi famosi per la loro ospitalità e squisita gastronomia, come Andermatt, Chiavenna, Livigno, Innsbruck, Cortina d'Ampezzo e Merano. L'itinerario è lungo 2.100 km, si distribuisce su dieci giorni ed è pensato per far conoscere alcune tra le più belle strade delle Alpi. Le date di partenza previste per il 2021 sono quattro, ancora da ufficializzare.

Il tour Alpine Routes presede di guidare attraverso Italia, Svizzera, Germania, e Austria per trascorrere giorni tra i bellissimi passi alpini come quello del Furka, dell’Oberalp, del Gavia, dello Stelvio e del Pordoi. Tour dedicato a chi ha già un pò di dimistichezza con curve strette e tornanti, specialmente su moto di una certa mole, dato che Hertz Ride mette a disposizione la gamma cruiser BMW, oltre a MV Agusta Brutale 800 e Turismo Veloce 800.

Next Post

Superbike, GP Teruel 2020: a ruote ferme

Jonathan Rea ha lasciato il Motorland Aragon con 36 punti di vantaggio su Scott Redding, messo alle corde, nel week-end, non solo dal rivale in ottica mondiale, ma anche Michael Ruben Rinaldi, in odore di essere il suo compagno di squadra il prossimo anno, al posto di un Davies ancora non in palla sulla Ducati V4R.

Iscriviti alla newsletter