Akrapovič Racing Line per la nuova Aprilia RS 660

Valerio Garagiola

Akrapovič Racing Line anche per la piccola nata di casa Aprilia, la RS 660, che acquisisce un sound simile a quello della RSV4, ma del tutto distintivo

Il riferimento internazionale nel settore scarichi aftermaket e racing Akrapovič è sempre attenta alle ultime evoluzioni del mercato; anche se sotto periodo festivo, l'azienda slovena non è rimasta con le mani in mano ed ha presentato la sua ultima creazione, il sistema di scarico Racing Line (Carbon) per la RS 660, ultima creazione di casa Aprilia. Racing Line (Carbon) è un sistema di scarico completo progettato per ottimizzare la potenza e la coppia del motore, rispettando tutti i protocolli richiesti per l’omologazione EC/ECE, il che lo rende conforme con Euro5.

Il sistema di scarico è stato costruito senza badare a spese: manicotto esterno della marmitta, terminale e paracalore realizzati in fibra di carbonio, manicotto esterno in titanio leggero per la pre-marmitta e il resto del sistema in acciaio inossidabile. L’uso di materiali leggeri rende il sistema Racing Line (Carbon) più leggero di quasi mezzo kg rispetto alla componentistica standard. L'incremento di potenza è di 2,4 CV a 11.200 giri/min e una maggiore coppia di 3,6 Nm a 4.550 giri/min. Lo scarico crea un rumore del motore più simile all’Aprilia RSV4. Il sistema inoltre non necessità di rimappatura, ha una semplice installazione plug-and-play.

Il sistema Racing Line (Carbon) non è da conforndersi con quello presente sul catalogo ufficiale accessori Aprilia, dove è presente un altro sistema di scarico completo sviluppato dalla stessa azienda slovena. Questo sistema, denominato “for race use only” Aprilia by Akrapovic, è un kit composto da impianto di scarico completo di collettori con terminale in carbonio per utilizzo in circuito, non omologato per l’utilizzo stradale, con mappatura dedicata della centralina e software per utilizzare il quick-shift con il cambio in configurazione rovesciata. Il software (disponibile come accessorio anche separatamente) abilita la funzione pit-limiter, indispensabile nei contesti di gara.

Next Post

Dieci moto che hanno fatto la storia: KTM 950 Adventure

Continuiamo il nostro "viaggio nel tempo" scoprendo la storia di una moto nata dall'idea di una special di due ragazzi tedeschi e tramutata in realtà dopo test e vittoria al Rally dei Faraoni nel 2001 e, soprattutto, dopo la consacrazione alla Dakar nel 2002 con il mitico Fabrizio Meoni.
dieci moto 950

Iscriviti alla newsletter