Akrapovic per le nuove BMW F900R e XR

Valerio Garagiola

La casa aftermarket di riferimento per il mondo degli scarichi dà nuove voce e leggerezza alle bicilindriche frontemarcia di casa BMW

L’ultimo modello, uscito dalla factory slovena Akrapovic, è dedicato alla gamma BMW da strada; più precisamente, è un sistema di scarico della Linea Slip-On (Titanio) per la bicilindrica F900R e F900XR. 

Composto da un manicotto della marmitta in titanio leggero, un tubo di collegamento in acciaio inossidabile e un presilenziatore, questo scarico dal design tipico di casa Akrapovic offre un incredibile risparmio di peso pari al 21,6% rispetto alla versione di serie.

Akrapovic ha aggiunto le sue capacità progettuali per creare uno scarico esteticamente piacevole che si integra perfettamente con le linee delle moto di casa BMW. La struttura piccola e compatta della Linea Slip-On (Titanio) dona un aspetto sportivo simile a quello delle moto da corsa ed è completato da un terminale in fibra di carbonio che la rende più accattivante. 

 

Gli ingegneri Akrapovic hanno nuovamente creato un’acustica immediatamente riconoscibile e avvincente. Il suo suono pieno e cristallino è un profondo ruggito sportivo che risale dal propulsore bicilindrico e lo fa pulsare a un ritmo armonioso pur nel rispetto dei requisiti dei motori Euro 5. La perfetta risposta all’acceleratore da parte delle moto, farà toccare con mano al conducente le ottime prestazioni e il minor peso del sistema, accompagnati da un suono inebriante. 

Completamente omologato EC/ECE, il sistema prevede una semplice installazione plug-and-play, senza alcuna necessità di rimappatura. Il sistema di scarico della linea Slip-On (Titanio) è completamente compatibile con le borse laterali BMW e con il cavalletto centrale, per cui non è necessaria alcuna modifica. Inoltre, l’intero sistema può essere ulteriormente migliorato con l’aggiunta di un paracalore aggiuntivo in fibra di carbonio realizzato a mano. 

Hits: 16

Next Post

Superbike Aragon 2020: info e orari tv

La Superbike, dopo la fermata estiva, riprende da Aragon dove, in due settimane, si svolgeranno altrettanti round. Ducati favorite, ma occhio a Rea.

Iscriviti alla newsletter